Patronato San Gaetano - Thiene - Scuola primaria e secondaria di 1° grado

Cerca

Vai ai contenuti

Alunni

Scuola Sec. di 1° grado > Regolamento di istituto


Nell'attività scolastica

1. Gli alunni sono tenuti alla puntualità e di questa devono farsi carico anche i genitori: in particolare non si deve mancare all'inizio della 1° ora di lezione dedicato alla riflessione formativa e alla preghiera. Ritardi e assenze non giustificati sono soggetti a richiami alla famiglia e ai provvedimenti del caso (entrare in classe alla seconda ora).

2. Per entrare in classe ci si mette in fila davanti alla porta d'ingresso. Fare le scale, entrare nelle aule ed uscire, così ogni altro spostamento durante l'attività scolastica deve essere eseguito con ordine e silenzio e sempre sotto la sorveglianza del Docente di turno.

3. Assenze e ritardi. Il docente della 1° ora è delegato a giustificare le assenze dei giorni precedenti segnalate sul libretto personale.

4. Ritardi e uscite anticipate. Gli alunni possono lasciare la scuola prima del termine delle lezioni solo per motivi di salute o di famiglia, su richiesta del genitore scritta sul libretto e firmata dal Preside o da chi ne fa le veci. La registrazione dei ritardi e delle uscite anticipate viene effettuata dal docente presente in aula sul registro di classe.

5. Gli alunni che si fermano abitualmente per il pranzo, se, per qualche motivo, non ne usufruiscono o escono dalla scuola, devono avere il permesso dei genitori, controfirmato dal Preside o da chi ne fa le veci.

6. L'alunno sprovvisto di giustificazione di assenza deve essere tenuto in classe in attesa di ulteriore comunicazione con la famiglia.

7. Dopo un'assenza che superi i 6 giorni consecutivi (quindi festività comprese), in caso di malattia, per essere riammessi alle lezioni è richiesto il certificato medico. Per assenze prolungate di altro tipo venga informato il Preside. Nei limiti della possibilità, è sempre opportuno informare la scuola di ogni assenza tramite la segreteria.

8. Se non è possibile svolgere l'attività motoria per qualche problema di salute temporaneo si deve presentare all'insegnante richiesta scritta dei genitori sul libretto. Per problemi più gravi si chieda l'esonero al Preside.

9. Gli alunni sono tenuti a restare sempre nel luogo comune (classe, cortile, laboratorio, ecc.) previsto dall'attività scolastica, sotto la vigilanza dell'insegnante o del personale preposto. Allontanarsi, eludendo la vigilanza, costituisce una mancanza grave.

10. Gli alunni possono recarsi presso la presidenza o la segreteria solo durante l'intervallo non durante le lezioni.

11. Le biciclette e le moto possono essere parcheggiate all'interno del cortile della scuola, negli spazi appositamente predisposti, ma non possono essere prelevate prima della fine delle lezioni.

12. Gli alunni, a casa, possibilmente alla sera, preparino con ordine la cartella, consultando il diario. Non è permesso telefonare a casa per avere il materiale dimenticato. Così pure i genitori non devono portare di propria iniziativa il materiale scolastico dimenticato dai figli.

13. Gli alunni devono sempre portare il libretto personale tenuto con diligenza e i genitori sono invitati a controllarlo spesso. Le comunicazioni tra genitori e docenti avverranno solo per mezzo del libretto personale degli alunni.

14. L'essere sprovvisti del libretto viene computata come dimenticanza, notificata nel registro di classe e comunicata ai genitori attraverso il diario.

15. La valutazione periodica delle prove scritte o orali viene comunicata ai genitori attraverso il libretto personale o, in caso di mancanza di esso, attraverso il diario. La comunicazione va controfirmata dai genitori.

16. Se un alunno, per motivi indipendenti dalla sua volontà, non ha eseguito i compiti assegnati per casa, deve portare la giustificazione dei genitori. La mancata esecuzione del lavoro richiesto in classe o a casa può essere soggetta a provvedimenti disciplinari.

17. Durante le lezioni si presta attenzione e si partecipa rispettando il proprio turno per intervenire.

18. Nelle ore di lezione non si masticano gomme, caramelle o altro.

19. Durante le lezioni, e negli intervalli tra una lezione e l'altra, di regola, non si va ai servizi se non in caso di urgente necessità segnalata all'insegnante. Si provveda durante la ricreazione nei servizi in cortile.

20. L'abbigliamento deve essere consono all'ambiente scolastico: di questo devono farsi carico anche i genitori.

21. La tenuta sportiva è obbligatoria per le lezioni di attività fisica e sportiva. Si raccomanda di provvedere al ricambio della maglietta per le lezioni successive.

22. Gli alunni non devono portare a scuola somme di denaro, oggetti di valore e tutto quello che esula dagli interessi e dall'impegno didattico.

23. E' vietato l'uso del cellulare nell'ambito scolastico. La comunicazione con le famiglie è assicurata in ogni caso e tempestivamente attraverso la segreteria. Se si contravviene a questa disposizione il cellulare sarà requisito e consegnato ai genitori dopo una settimana. L'uso di cellulare durante le uscite didattiche e i viaggi di istruzione sarà regolamentato di volta in volta.

24. E' preferibile che gli alunni si portino la merenda da casa. Chi usufruisce del bar, acquisti solo quello che è necessario e paghi di volta in volta quello che consuma.

25. Gli alunni sono tenuti ad un contegno rispettoso verso gli insegnanti e i compagni. Chi manca gravemente di rispetto o di responsabilità, chi impedisce il normale svolgimento delle lezioni, si oppone alle decisioni dell'insegnante o usa un linguaggio offensivo e triviale ricorre nei provvedimenti disciplinari più gravi.

26. I furti, la falsificazione delle firme, le alterazioni di qualsiasi specie, l'allontanamento dal luogo comune, sono mancanze particolarmente gravi e saranno soggette ai provvedimenti disciplinari più gravi.

27. Si richiedono ordine e rispetto per l'ambiente ed il materiale della comunità scolastica (banchi, pareti, servizi, materiale didattico…). In particolare ogni alunno deve tenere sempre in ordine il proprio banco. Gli alunni sono tenuti al risarcimento alla scuola per i danni eventualmente provocati per incuria o dolo alle strutture ed attrezzature scolastiche.

28. Gli alunni devono trattare con cura i testi che usano anche per poterli consegnare ai compagni delle classi successive.

29. La scuola è dotata di un regolamento riguardante il fumo e ad esso devono attenersi quanti frequentano gli ambienti scolastici, pena le sanzioni previste.

30. Gli alunni sono tenuti a non utilizzare le connessioni internet scolastiche per usi personali (social network, navigazioni, blog, chat-room, …) ma unicamente a scopo didattico secondo le indicazioni dei docenti. In caso di necessità possono rivolgere le loro richieste particolari agli stessi.

Nel servizio mensa, ricreazione, rientri e doposcuola.

1. Gli allievi entrano in sala mensa accompagnati dall'assistente. Si servono con ordine, consumano il pasto educatamente avendo attenzione a non sprecare cibo e spreparano le stoviglie di cui si sono serviti.

2. In caso di intolleranze alimentari vi è l'obbligo di presentare un certificato rilasciato da un medico specialista in segreteria.

3. La ricreazione dopo il pranzo si effettua nel cortile vicino alla palestra. Non ci si allontana da questo ambiente senza il permesso dell'assistente.

4. In caso di pioggia la ricreazione si svolge in palestra dove si devono usare le scarpe da ginnastica pulite, oppure, tolte le scarpe, utilizzare calzini antiscivolo.

5. Gli ultimi cinque minuti della ricreazione sono destinati a riordinare la persona e ad andare ai servizi.

6. Gli allievi salgono in aula accompagnati dall'assistente.

7. In aula predispongono il materiale ed eseguono i compiti in silenzio.

8. Non si spostano da un banco all'altro, non disturbano i compagni e, normalmente, non è consentito loro di andare ai servizi.

9. Quando sono terminati i compiti si applicano a qualche attività di carattere scolastico in modo tale da non disturbare i compagni.

10. Se qualcuno non osserva queste regole può essere sospeso dal doposcuola.

Sicurezza


L'Ente proprietario degli edifici scolastici, ovvero la Casa Generalizia Pia Società Torinese S.Giuseppe, ha attuato, tenendo conto delle scadenze stabilite dalla legge, un piano di intervento per la messa a norma delle scuole secondo quanto previsto dalla legislazione vigente in tema di sicurezza.
L'amministrazione scolastica, che nello specifico viene considerata datore di lavoro, nomina il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e individua, tra il personale della scuola, le figure incaricate di intervenire in caso di emergenza.
Per il nostro Istituto è stato predisposto un Piano di Evacuazione in cui sono indicate le procedure da seguire in caso di incendio, terremoto od altro evento che comporti uno stato di emergenza.
Gli alunni e il personale vengono informati e addestrati a effettuare prove di evacuazione.


Provvedimenti disciplinari


Le sanzioni disciplinari saranno temporanee e proporzionate alla gravità dell'infrazione. In ogni caso i docenti cercheranno, attraverso il dialogo e la riflessione, di indurre l'alunno ad assumere atteggiamenti di responsabilità. E' chiaro, d'altronde, che l'irrogazione di provvedimenti disciplinari inciderà sul voto di comportamento.

1. Ammonizione verbale in classe o privata dell'insegnante presente o, secondo la gravità, del Coordinatore o del Preside.

2. Allontanamento dalla classe durante la lezione per un certo tempo.

3. Attività aggiuntive da svolgere a casa.

4. Nota scritta del Docente sul libretto personale da comunicare ai genitori.

5. Nota scritta del Preside sul libretto personale da comunicare ai genitori.

6. Nota scritta del Docente o del Preside sul registro di classe da comunicare ai genitori. La nota e la comunicazione alla famiglia da parte del Docente, sarà controfirmata dal Preside.

7. Convocazione dei genitori da parte del Docente o del Coordinatore o del Preside.

8. Esclusione dalle visite o dai viaggi d'istruzione, previa convocazione dei genitori.

9. Nel caso di accumulo di reiterate dimenticanze di materiale o di mancate esecuzioni di compiti, sarà il Preside ad informare i genitori perché vengano adottati opportuni provvedimenti.

10. Allontanamento temporaneo dalla comunità scolastica (sospensione).
Tale provvedimento può scattare anche per una sola grave mancanza di carattere disciplinare

11. Le note disciplinari a tutta la classe sono irrogate solo dal preside e trascritte nel registro di classe. Eventuali sanzioni sono concordate dal Consiglio di classe.



























Home page | Curricolo d'Istituto | Scuola Primaria | Scuola Sec. di 1° grado | Modulistica | Informazioni | Area insegnanti | Spazio AGeSC | Registro elettronico | Mappa del sito


Menu di sezione:


Torna ai contenuti | Torna al menu