Patronato San Gaetano - Thiene - Scuola primaria e secondaria di 1° grado

Cerca

Vai ai contenuti

Matematica

Curricolo d'Istituto

ISTITUTO PADRI GIUSEPPINI
SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PARITARIA
Via S. Maria Maddalena, 90 36016 THIENE (VI)
Tel. 0445/361695 Fax. 0445/383252
e-mail:
scuola.thiene@murialdo.org web: www.scuolesanga.info



CURRICOLO DI MATEMATICA


SCUOLA PRIMARIA


TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE IN
MATEMATICA
AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA


1. L'alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l'opportunità di ricorrere a una calcolatrice.
2. Riconosce e rappresenta forme del piano e dello spazio, relazioni e strutture che si trovano in natura o che sono state create dall'uomo.
3. Descrive, denomina e classifica figure in base a caratteristiche geometriche, ne determina misure, progetta e costruisce modelli concreti di vario tipo.
4. Utilizza strumenti per il disegno geometrico (riga, compasso) e i più comuni strumenti di misura (metro, goniometro...).
5. Ricerca dati per ricavare informazioni e costruisce rappresentazioni (tabelle e grafici). Ricava informazioni anche da dati rappresentati in tabelle e grafici Riconosce e quantifica, in casi semplici, situazioni di incertezza.
6. Legge e comprende testi che coinvolgono aspetti logici e matematici.
7. Riesce a risolvere facili problemi in tutti gli ambiti di contenuto, mantenendo il controllo sia sul processo risolutivo, sia sui risultati. Descrive il procedimento seguito e riconosce strategie di soluzione diverse dalla propria.
8. Costruisce ragionamenti formulando ipotesi, sostenendo le proprie idee e confrontandosi con il punto di vista di altri.
9. Riconosce e utilizza rappresentazioni diverse di oggetti matematici (numeri decimali, frazioni, percentuali, scale di riduzione, ...).
10. Sviluppa un atteggiamento positivo rispetto alla matematica, attraverso esperienze significative, che gli hanno fatto intuire come gli strumenti matematici che ha imparato ad utilizzare siano utili per operare nella realtà.




OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO IN
MATEMATICA
AL TERMINE DELLA
3a CLASSE DELLA SCUOLA PRIMARIA.


Numeri
1. Conta oggetti o eventi, a voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre, ...
2. Legge e scrive i numeri naturali in notazione decimale, avendo consapevolezza della notazione posizionale; li confronta e li ordina, anche rappresentandoli sulla retta.
3. Esegue mentalmente semplici operazioni con i numeri naturali e verbalizzare le procedure di calcolo.
4. Conosce con sicurezza le tabelline della moltiplicazione dei numeri fino a 10. Eseguire le operazioni con i numeri naturali con gli algoritmi scritti usuali.


Spazio e figure
1. Riconosce, denomina e descrive figure geometriche piane e solide, linee, rette, angoli.
2. Disegna figure geometriche e costruisce modelli materiali anche nello spazio.
3. Utilizza e distingue fra loro i concetti di perpendicolarità, parallelismo, orizzontalità, verticalità, parallelismo.



Relazioni, dati e previsioni
1. Classifica numeri, figure, oggetti in base a una o più proprietà, utilizzando rappresentazioni opportune, a seconda dei contesti e dei fini.
2. Argomenta sui criteri che sono stati usati per realizzare classificazioni e ordinamenti assegnati. Legge e rappresenta relazioni e dati con diagrammi, schemi e tabelle.
3. Sa misurare grandezze (lunghezze, ecc.) utilizzando unità arbitrarie


OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO IN
MATEMATICA
AL TERMINE DELLA
5a CLASSE DELLA SCUOLA PRIMARIA.


Numeri
1. Legge, scrive, confronta numeri decimali.
2. Esegue le quattro operazioni con sicurezza, valutando l'opportunità di ricorrere al calcolo mentale, scritto o con la calcolatrice a seconda delle situazioni.
3. Esegue la divisione con resto fra numeri naturali; sa individuare multipli e divisori di un numero.
4. Stima il risultato di una operazione.
5. Opera con le frazioni.
6. Utilizza numeri decimali, frazioni e percentuali per descrivere situazioni quotidiane.
7. Interpreta i numeri interi negativi in contesti concreti.
8. Rappresenta i numeri conosciuti sulla retta e utilizza scale graduate in contesti significativi per le scienze e per la tecnica.
10, Legge, scrive, confronta numeri decimali, li sa rappresentare sulla retta; sa eseguire semplici addizioni e sottrazioni, anche con riferimento alle monete o ai risultati di semplici misure.


Spazio e figure
1. Descrive, denomina e classifica figure geometriche, identificando elementi significativi e simmetrie, anche al fine di farle riprodurre da altri.
2. Riproduce una figura in base a una descrizione, utilizzando gli strumenti opportuni (carta a quadretti, riga e compasso).
3. Utilizza il piano cartesiano per localizzare punti.
4. Costruisce e utilizza modelli materiali nello spazio e nel piano come supporto a una prima capacità di visualizzazione.
5. Riconosce figure ruotate, traslate e riflesse.
6. Confronta e misura angoli utilizzando proprietà e strumenti.
7. Utilizza e distingue fra loro i concetti di perpendicolarità, parallelismo, orizzontalità, verticalità, parallelismo.
8. Riproduce in scala una figura assegnata (utilizzando, ad esempio, la carta a quadretti).
9. Determina il perimetro di una figura utilizzando le più comuni formule o altri procedimenti.
10. Determina l'area di rettangoli e triangoli e di altre figure per scomposizione o utilizzando le più comuni formule.


Relazioni, dati e previsioni
1. Rappresenta relazioni e dati e, in situazioni significative, utilizzando le rappresentazioni per ricavare informazioni, formulare giudizi e prendere decisioni.
2. Usa le nozioni di frequenza, di moda e di media aritmetica, se adeguata alla tipologia dei dati a disposizione.
3. Rappresenta problemi con tabelle e grafici che ne esprimono la struttura.
4. Utilizza le principali unità di misura per lunghezze, angoli, aree, volumi/capacità, intervalli temporali, masse, pesi per effettuare misure e stime.
5. Passa da un'unità di misura a un'altra, limitatamente alle unità di uso più comune, anche nel contesto del sistema monetario.
6. In situazioni concrete, di una coppia di eventi, intuisce e cominciare ad argomentare qual è il più probabile, dando una prima quantificazione nei casi più semplici, oppure riconosce se si tratta di eventi ugualmente probabili.
7. Riconosce e descrive regolarità in una sequenza di numeri o di figure.





CURRICOLO DI MATEMATICA


SCUOLA SECONDARIA


TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE IN
MATEMATICA
AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1° GRADO


1. L'alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche con i numeri razionali, ne padroneggia le diverse rappresentazioni e stima la grandezza di un numero e il risultato di operazioni.
2. Riconosce e denomina le forme del piano e dello spazio, le loro rappresentazioni e ne coglie le relazioni tra gli elementi.
3. Analizza e interpreta rappresentazioni di dati per ricavarne misure di variabilità e prendere decisioni.
4. Riconosce e risolve problemi in contesti diversi valutando le informazioni e la loro coerenza.
5. Spiega il procedimento seguito, anche in forma scritta, mantenendo il controllo sia sul processo risolutivo, sia sui risultati.
6. Confronta procedimenti diversi e produce formalizzazioni che gli consentono di passare da un problema specifico a una classe di problemi.
7. Produce argomentazioni in base alle conoscenze teoriche acquisite (ad esempio sa utilizzare i concetti di proprietà caratterizzante e di definizione).
8. Sostiene le proprie convinzioni, portando esempi e controesempi adeguati e utilizzando concatenazioni di affermazioni; accetta di cambiare opinione riconoscendo le conseguenze logiche di una argomentazione corretta.
9. Utilizza e interpreta il linguaggio matematico (piano cartesiano, formule, equazioni, ...) e ne coglie il rapporto col linguaggio naturale.
10. Nelle situazioni di incertezza (vita quotidiana, giochi, …) si orienta con valutazioni di probabilità.
11. Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla matematica attraverso esperienze significative e ha capito come gli strumenti matematici appresi siano utili in molte situazioni per operare nella realtà





OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO IN
MATEMATICA
AL TERMINE DELLA SC SEC 1° GR.

Numeri
1. Esegue addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni, divisioni, ordinamenti e confronti tra i numeri conosciuti (numeri naturali, numeri interi, frazioni e numeri decimali), quando possibile a mente, oppure utilizzando gli usuali algoritmi scritti, le calcolatrici e i fogli di calcolo e valutando quale strumento può essere più opportuno.
2. Sa dare stime approssimate per il risultato di una operazione e controllare la plausibilità di un calcolo.
3. Rappresenta i numeri conosciuti sulla retta.
4. Utilizza scale graduate in contesti significativi per le scienze e per la tecnica.
5. Utilizza il concetto di rapporto fra numeri o misure e sa esprimerlo sia nella forma decimale, sia mediante frazione.
6. Utilizza frazioni equivalenti e numeri decimali per denotare uno stesso numero razionale in diversi modi, essendo consapevoli di vantaggi e svantaggi delle diverse rappresentazioni.
7. Comprende il significato di percentuale e la sa calcolare utilizzando strategie diverse.
8. Interpreta una variazione percentuale di una quantità data come una moltiplicazione per un numero decimale.
9. Individua multipli e divisori di un numero naturale e multipli e divisori comuni a più numeri.
10. Comprende il significato e l'utilità del multiplo comune più piccolo e del divisore comune più grande, in matematica e in situazioni concrete.
11. In casi semplici scompone numeri naturali in fattori primi e conosce l'utilità di tale scomposizione per diversi fini.
12. Utilizza la notazione usuale per le potenze con esponente intero positivo, consapevoli del significato, e le proprietà delle potenze per semplificare calcoli e notazioni.
13. Conosce la radice quadrata come operatore inverso dell'elevamento al quadrato.
14. Da stime della radice quadrata utilizzando solo la moltiplicazione.
15. Sa che non si può trovare una frazione o un numero decimale che elevato al quadrato dà 2, o altri numeri interi.
16. Utilizza la proprietà associativa e distributiva per raggruppare e semplificare, anche mentalmente, le operazioni.
17. Descrive con un'espressione numerica la sequenza di operazioni che fornisce la soluzione di un problema.
18. Esegue semplici espressioni di calcolo con i numeri conosciuti, essendo consapevoli del significato delle parentesi e delle convenzioni sulla precedenza delle operazioni.
19. Esprime misure utilizzando anche le potenze del 10 e le cifre significative.


Spazio e figure

1. Riproduce figure e disegni geometrici, utilizzando in modo appropriato e con accuratezza opportuni strumenti (riga, squadra, compasso, goniometro, software di geometria).
2. Rappresenta punti, segmenti e figure sul piano cartesiano.
3. Conosce definizioni e proprietà (angoli, assi di simmetria, diagonali, …) delle principali figure piane (triangoli, quadrilateri, poligoni regolari, cerchio).
4. Descrive figure complesse e costruzioni geometriche al fine di comunicarle ad altri.
5. Riproduce figure e disegni geometrici in base a una descrizione e codificazione fatta da altri.
6. Riconosce figure piane simili in vari contesti e riproduce in scala una figura assegnata.
7. Conosce il Teorema di Pitagora e le sue applicazioni in matematica e in situazioni concrete.
8. Determina l'area di semplici figure scomponendole in figure elementari, ad esempio triangoli, o utilizzando le più comuni formule.
9. Stima per difetto e per eccesso l'area di una figura delimitata anche da linee curve.
10. Conosce il numero ?, e alcuni modi per approssimarlo.
11. Sa calcolare l'area del cerchio e la lunghezza della circonferenza, conoscendo il raggio, e viceversa.
12. Conosce e utilizzare le principali trasformazioni geometriche e i loro invarianti.
13. Rappresenta oggetti e figure tridimensionali in vario modo tramite disegni sul piano.
14. Visualizza oggetti tridimensionali a partire da rappresentazioni bidimensionali.
15. Sa calcolare l'area e il volume delle figure solide più comuni e darne stime di oggetti della vita quotidiana.
16. Risolve problemi utilizzando le proprietà geometriche delle figure.

Relazioni e funzioni
1. Interpreta, costruisce e trasforma formule che contengono lettere per esprimere in forma generale relazioni e proprietà.
2. Sa esprimere la relazione di proporzionalità con un'uguaglianza di frazioni e viceversa.
3. Usa il piano cartesiano per rappresentare relazioni e funzioni empiriche o ricavate da tabelle, e per conoscere in particolare le funzioni del tipo y=ax, y=a/x, y=ax2, y=2n e i loro grafici e collegare le prime due al concetto di proporzionalità.
4. Risolve problemi utilizzando equazioni di primo grado.

Dati e previsioni
1. Rappresenta insiemi di dati, anche facendo uso di un foglio elettronico. In situazioni significative, confronta dati al fine di prendere decisioni, utilizzando le distribuzioni delle frequenze e delle frequenze relative. Sceglie ed utilizzare valori medi (moda, mediana, media aritmetica) adeguati alla tipologia ed alle caratteristiche dei dati a disposizione. Sa valutare la variabilità di un insieme di dati determinandone, ad esempio, il campo di variazione.
2. In semplici situazioni aleatorie, individua gli eventi elementari, assegna a essi una probabilità, calcola la probabilità di qualche evento, scomponendolo in eventi elementari disgiunti.
3. Riconosce coppie di eventi complementari, incompatibili, indipendenti.



Home page | Curricolo d'Istituto | Scuola Primaria | Scuola Sec. di 1° grado | Modulistica | Informazioni | Area insegnanti | Spazio AGeSC | Registro elettronico | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu